Ilaria Milazzo: «La Sicilia sforna buoni talenti»

Opening Day di Ragusa: la playmaker ex Lazùr e Rainbow decisiva nella vittoria di Torino… «Magari un giorno tornerò a giocare con Formica»…

Ilaria Milazzo (foto G. Rabuazzo)

Doveva essere un ritorno in grande stile e lo è stato. Ilaria Milazzo ha esordito con la maglia di Torino vincendo la gara dell’Opening Day contro le padrone di casa di Ragusa, seguita da un grandissimo tifo proveniente dalla sua Canicattì e da tutta la Sicilia. Il 56-54 finale premia la gran difesa piemontese e la gestione del pallone affidato proprio alla playmaker del 1994.

«Sono strafelice – esulta nel post gara -, più che altro perché siamo riuscite a recuperare dallo svantaggio, quando tutti ci hanno date per morte. Giocando con pazienza e con il cuore, ci siamo fidate le une delle altre. Nessuno ci avrebbe scommesso. È chiaro che una vittoria del genere ci dà tanta carica, possiamo fare bene ma è fondamentale rimanere con i piedi per terra. Non intendiamo fare castelli in aria e vogliamo rimanere concentrate. Le prossime partite contro Vigarano e Battipaglia sono fondamentali, saranno partite difficili».

L’ex stellina giovanile della Lazùr scudettata e della Rainbow, seconda miglior marcatrice per media dell’ultimo decennio di Serie B/F, si è distinta per la gran difesa. «In attacco non sentivo fiducia in me stessa – ammette -, ho difeso più che potevo, mettendo pressione e cercando di confondere l’inizio dei loro giochi. Ci ha permesso di recuperare una palla importante alla fine. Devo migliorare in attacco e nelle letture, però per adesso voglio pensare a questo bellissimo risultato, c’è tempo per lavorare e migliorare».

In campo hanno giocato contemporaneamente la catanese Alessandra Formica, migliore delle ragusane, e la palermitana Costanza Verona, che si è distinta in maglia torinese. «La Sicilia sforna buoni talenti – afferma Milazzo -, dispiace che in A1 ci sia solo la realtà di Ragusa, ognuno credo debba fare il suo percorso. Con Formica siamo avversarie, magari un giorno potremmo essere compagne di squadra, sarebbe un onore tornare nella propria terra. Per adesso ci regaliamo a vicenda queste partite emozionanti». Intanto, proprio lei e Formica sono nell’elenco delle giocatrici nel giro della NazionaleMarco Crespi la tiene d’occhio…

Roberto Quartarone
Twitter: @rojoazul86

//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js

Lascia un commento

Your email address will not be published.