Acireale crolla sul traguardo: Spadafora promossa

Mai in partita, Acireale risale dal -19 al -8 ma non riesce nell’impresa… Le video interviste a Gumina, Panebianco e Maganza…

Spadafora – Acireale 89–75
Parziali: 27-19, 54-36 (27-17); 64-56 (10-20), 89-75 (25-19).
PalaNebiolo di Messina, 3 giugno, 18:30

Il Nuovo Avvenire Spadafora: Barbera 17, Sofia 28, D’Angelo ne, Molino 3, Vento 5, Santoro ne, Mobilia 18, Colosi © 1, Colica 10, Mammina 4, Klevinskas 3. All.: Maganza. Tiri liberi: 15 su 24. Tiri da tre punti: Barbera 3, Sofia 2, Mobilia 3, Vento 1.
Basket Acireale: Khomyn 2, Antronaco © 11, Massimino ne, Cerame, Gulisano 15, Ricca, Russo ne, Panebianco 9, Venticinque A. 11 , Budrys 11, Patanè 16, Privitera ne. All.: Gumina. Tiri liberi: 20 su 32. Tiri da tre punti: Gulisano 1, Panebianco 3, Patanè 1, Budrys 1.
Arbitri: Arbace di Ragusa e Barbera di Trapani.

Gli Spartans festeggiano, gli acesi piangono al PalaNebiolo: la seconda gara-3 di finale disputata quest’anno dai granata è un altro boccone amaro. Ancora una volta ci sono rimpianti: per aver vanificato gara-1, per aver perso malamente gara-2, per non essere riusciti ad entrare in gara-3. Ma c’è anche la consapevolezza che si è andati comunque oltre le aspettative di una stagione che doveva essere un altro banco di prova per la crescita dei ragazzi nati dopo il ’95 (eccetto Antronaco) e invece si è rivelata un’annata con ben quattro match-point per andare in C Silver.

La partita è stata equilibrata solo nel primo periodo, poi Spadafora ha fatto valere i mezzi fisici maggiori e l’esperienza: Barbera, Sofia e Mobilia sono uno spreco per la D, bombardano gli avversari e difendono raddoppiando sempre sul portatore di palla. I granata non trovano spazi, s’intestardiscono, si caricano di falli, non riescono a trovare né in Budrys né in Patanè né in Panebianco le solite guide sicure, sbagliano troppo nei momenti cardine. Rimontare così è impossibile.

Ma tutto questo non inficia una stagione che rimane comunque storica: quella del rilancio dei granata, che sono tornati ai vertici della D e possono ambire al ritorno in C, categoria alla quale hanno dovuto rinunciare tre anni fa per la questione PalaVolcan. Le interviste a Gumina, Panebianco e Maganza hanno chiuso il lungo pomeriggio di Messina, da domani si riprende a programmare per il futuro.

Roberto Quartarone
Twitter: @rojoazul86

Al PalaNebiolo di Messina ultimo atto dei Playoff Promozione del Campionato Regionale di Serie D maschile 2017-2018. E’ Spadafora ad aggiudicarsi il terzo posto utile per il salto di categoria. Gara tutta in salita per gli acesi che subiscono le percentuali altissime al tiro dal perimetro di Barbera (19 punti), Sofia (27) e Mobilia (18). La contesa è aperta da una tripla di Panebianco cui replica immediatamente Barbera e poi Klevinskas sotto misura. Acireale risulta troppo macchinoso in attacco, perde palloni importanti con i messinesi che invece trovano piazzati su piazzati per il 27 a 19 del primo quarto.

L’avvio del secondo quarto è assolutamente negativo per i colori granata; due palle perse innescano i contropiedi vincenti di Barbera e Mobilia per il 31 a 19 dopo appena un minuto. Acireale è in affanno, Budrys è impalbabile, Panebianco è gravato di falli mentre Patanè e Gulisano non riescono a far male alla difesa schierata.Si va dunque al riposo lungo sul 54 a 36 per Spadafora. I granata però non mollano , faticano tanto in attacco ed in difesa riescono a contenere meglio gli avversari.Si va più spesso in lunetta, 3 su 4 per Antronaco, 4 su 6 per Patanè, Gulisano mette una tripla e pian piano Acireale risale nel punteggio fino al 62 a 52 al settimo, per chiudere il terzo tempino sul 64 a 56.

Per ben quattro volte, all’inizio dell’ultima frazione di gioco, gli acesi hanno la possibilità di avvicinarsi ancora ma i tentativi effettuati non vanno a buon segno.Spadafora rifiata, va di nuovo a canestro in contropiede e chiude definitivamente l’incontro sul 89 a 75 finale.

Cala, dunque, il sipario sul Campionato Regionale di Serie D ed i Playoff Promozione che per circa due mesi hanno visto protagonisti i ragazzi granata e la loro pallacanestro contro compagini del calibro di Gela, Adrano ed infine Spadafora, oltre al numeroso e caloroso pubblico del Palavolcan. Quarto posto ,pertanto, per il Basket Acireale in questo torneo appena concluso che ha visto la partecipazione di 22 squadre suddivise in due gironi in cui è da sottolineare, fra l’altro, un Basket Acireale giovanissimo, età media 19 anni, con l’unica eccezione del veterano Giacomo Antronaco.

Ba

Trionfo della Lp Piero Lepro Spadafora che dopo appena un anno riconquista la serie C , imponendosi in gara 3 sul Basket Acireale . La gara disputatasi al PalaNebiolo di Messina prendeva il via davanti ad un folto pubblico con entrambe le tifoserie ben rappresentate . Era Panebianco per gli acesi ad iscriversi per primo a referto con una tripla , Sofia per gli Spartans rispondeva con una bella penetrazione . Dopo un sostanziale equilibrio nei minuti successivi , a 5’50 dalla fine della prima frazione si era sul 12-11 in favore degli Spartans , era Barbera a mettersi in evidenza per i suoi . I ragazzi di Coach Maganza grazie ad una buona intensità ed un ottima difesa chiudevano il primo quarto sul +8 , punteggio 27-19 .

La seconda frazione registrava un forte avvio dello Spadafora e dopo il primo minuto di gioco , Mobilia e compagni andavano sul +12 . Panebianco per Acireale , tentava di scuotere i suoi realizzando da fuori l’arco ma era Vento per gli Spartans a rispondere prontamente con una tripla . Trascorsi i primi tre minuti il tabellone segnava il punteggio,di 36-24 . I ragazzi di Coach Gumina ,in grossa sofferenza in questa fase , tentano di ritrovare la giusta concentrazione . Ma il duo Mobilia -Sofia in buona vena realizzativa , porta i Maganza Boys sul + 18 al riposo lungo , punteggio 54-36 .

Al rientro , primi quattro minuti con ambedue le compagini ad alternarsi in fase realizzativa , punteggio 59-41 . Budrys , con una tripla , tenta di riportare in partita i suoi . Spadafora sembra perdere un po’ di lucidità e ciò permette agli avversari di rientrare in gara . Nei minuti finali del quarto , Acireale grazie ad una ritrovata intensità di gioco riesce ad accorciare il gap giungendo alla penultima sirena , sul -8 con il punteggio di 64-56 . Il quarto finale vede subito in avvio la Lp Piero Lepro Spadafora in evidenza , +12 trascorso il primo minuto . Antronico per i granata a segno con una tripla per il -8 Acese .

Ma Spadafora prontamente risponde con una bella realizzazione di Colica . È il turno di Budrys ad andare a segno per un nuovo tentativo di accorciare il divario , ma Sofia è in grande serata ed alcune sue ripartenze permettono un nuovo allungo Spartans . A 5’00 dalla sirena finale , il punteggio è sul 75-63 . Il pubblico di Spadafora sente odore di vittoria e sospinge i suoi. Acireale non riesce a colmare il divario subito ed anzi sono ancora Barbera e compagni ad allungare ancora . Ultimi minuti in totale controllo della gara per i ragazzi di Luigi Maganza che si aggiudicano la “bella ” con un + 14 finale , punteggio 89-75 . A fine gara tutti a festeggiare sotto la tribuna con i propri tifosi che urlavano a squarciagola …Serie C …Serie C .

Comunicato Il Nuovo Avvenire

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.