Mazzerbo: «Ottimista, viviamo di partita in partita»

L’ala piccola di Aci Bonaccorsi parla del campionato di Serie D… «Ci alleniamo poco, ma i ragazzi sono in gamba»… «Aspettiamo di integrare i giovani»… «Gottini e l’Alfa fuori categoria»…

Vittorio Mazzerbo (foto R. Quartarone)
Vittorio Mazzerbo (foto R. Quartarone)

Vittorio Mazzerbo Giuseppe Bonaiuto sono stati MVP della penultima giornata d’andata di Serie D. L’ala piccola bianconera ha fatto una gran figura al Leonardo da Vinci nel derby delle Aci: i suoi 26 punti sono valsi un’ottima vittoria in trasferta e lo stacco al sesto posto con Mascalucia. Vittorio, trentenne, scuola Grifone, under con la Virtus, dopo gli anni in Serie C2 con Gad Etna, San Luigi e Melilli si è legato a Valverde/Aci Bonaccorsi.

«In realtà vorrei dare di più a livello di presenza in settimana – frena lui -, ma lavorando non è facile. In partita sta andando bene, non sto giocando partite pazzesche ma sto segnando. Abbiamo qualche problema per far inserire bene i nuovi, però stiamo facendo passi avanti. Non siamo premiati dai risultati, ma sono ottimista, i ragazzi sono in gamba, sia i nuovi (Gissara, Minardi, Fraticelli) che i confermati. Ma ci alleniamo poco, tra infortuni e lavoro».

Il quintetto bonaccorsese, oltre a lui, conta su altri due giocatori di grandissima esperienza come Giacomo Prudente e Renato Catalano. «Sono grandi. La media età però è più alta delle avversarie e l’allenamento alle 21 inizia a pesare, così la qualità del gioco ne risente. In più siamo stati sfortunati soprattutto contro Adrano, ma c’è tutto il ritorno. A parte l’Alfa che fa um campionato a sé, le altri sono ottime squadre: Mascalucia ha giovani forti, così come Acireale che ci ha impressionato; anche Caltanissetta un bel livello».

Mazzerbo ai tempi della Grifone

L’obiettivo d’inizio stagione erano i play-off: «Ci pensavo prima della sconfitta contro Tremestieri – prosegue Mazzerbo – ma quello è stato un brutto stop. Eppure, se ne vinciamo tre risaliamo: dobbiamo pensare di vincere di partita in partita, riprendendo forma e compattezza. Già dobbiamo pensarci questo weekend: Mascalucia è molto bene allenata e sarà una partita complicata. Per le altre sfide del weekend, tra Priolo e Tremestieri dico i padroni di casa, ma a parti inverse i ragazzi di Gullotti sono ostici; l’Alfa è fuori quota contro Caltanissetta e Adrano-Piazza Armerina sarà una sfida fisica e molto accesa».

Vittorio ha già iniziato da tempo una carriera da allenatore con i più piccoli: «Mi dispiace da responsabile del settore giovanile – afferma – perché i ragazzi in gamba (sono tre-quattro pronti) hanno problemi con gli allenamenti alle 21, così non riusciamo a integrarci bene. Il movimento ad Aci Bonaccorsi è molto completo, siamo pochi ma buoni, si impegnano tanto in questa stagione di passaggio. L’anno prossimo ci sarà qualcuno in più in prima squadra».

Un’ultima considerazione sui quattro avversari nella corsa alla vetta della classifica marcatori: «Gottini lo vedevo giocare ed è un’altra categoria, fa parte di una squadra fortissima, potrebbe farne 50 a partita. Bonaiuto non l’ho visto, ma lo conosco bene, rimane un gran giocatore. Patanè è ottimo tecnicamente ed è allenato molto bene da un grande allenatore. Ciancio non lo conosco ma contro di noi ha giocato male».

Roberto Quartarone
Twitter: @rojoazul86

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*