FIP Sicilia, il punto della situazione

A breve, il commissariamento della FIP Sicilia sarà ufficializzato. Dopo la dimissione dei cinque consiglieri e della vicepresidentessa, la Federbasket nazionale dovrà dunque individuare una figura a cui dare i poteri del consiglio direttivo regionale, probabilmente la stessa presidentessa Cristina Correnti, in modo da proseguire nelle attività del movimento.

Si attendeva per lunedì 8 marzo il consiglio direttivo, poi rinviato a mercoledì per mancanza del numero legale e infine annullato per le sopravvenute dimissioni. L’incontro doveva deliberare le date per la ripartenza di Serie D e Serie C/F e dare la scadenza per le conferme delle iscrizioni in Promozionein più si sarebbe dovuto parlare del futuro del settore giovanile. Tutto questo sarà ora oggetto del lavoro del commissario, in attesa di tornare ad elezioni a meno di un anno dalla tornata del settembre 2020.

La nuova giunta del CONI Sicilia

Intanto, è stato riconfermato alla presidenza del CONI Sicilia Sergio D’Antoni, che ha esaurito il mandato da commissario ad acta proprio nella FIP siciliana per mediare tra presidentessa e consiglieri nella nomina di alcune figure degli uffici tecnici (di cui ora si attende l’ufficialità). Nel suo consiglio, che durerà fino alle prossime Olimpiadi, sono presenti il catanese Enzo Falzone (presidente del Coni provinciale, scelto come vicepresidente vicario) e proprio Cristina Correnti.

Intanto, agli ultimi echi polemici dopo le dimissioni dei consiglieri non c’è stata una risposta ufficiale della presidentessa; inoltre la vice presidentessa non ha rilasciato interviste dopo il suo post sui social, in cui denunciava che «non c’è stato mai dialogo, condivisione e confronto, siamo stati esclusi da tutta l’attività, apprendevamo le notizie da testate giornalistiche» e definendosi «destabilizzata totalmente» dopo l’inizio della collaborazione di Sangiorgio come responsabile degli omologatori. Ora magari la palla tornerà al campo ed uscirà dalle stanze del “palazzo”.

Roberto Quartarone

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*